LA LETTURA AI TEMPI DI INTERNET - Il sosia

immagine della copertina
Biblioteca Gallino
891.73 DOS sos
Fedor Dostoevskij
Garzanti
Giovani lettori
 Jakov Petrovic Goljadkin è il protagonista de “Il Sosia”, uno dei più famosi romanzi dello scrittore Fedor Dostoevskij. Un piccolo burocrate, visto dalla società solo come un ingranaggio della complessa macchina che muove lo stato, si ritrova schiacciato dalla sua modestia e inadeguatezza, dalla società nella quale fa fatica ad affermarsi. Questa crescente frustrazione avrà il suo apice con la comparsa del sosia del protagonista, che rispecchia la coscienza inascoltata dell’uomo. Il Signor Goljadkin Minore è, infatti, spregiudicato e dalla battuta facile,  crudele sotto certi punti di vista, e diventa così la persecuzione che il piccolo burocrate dovrà patire, commettendo un errore dopo l’altro, inimicandosi così colleghi, amici ed esponenti dell’alta società Pietroburghese. Goljadkin Maggiore prende così la decisione di inseguire il suo sosia per porre fine, tramite un confronto a quattr’occhi, tutto ciò. Ma il sosia non esiste: è infatti una mera allucinazione del protagonista, uno specchio della sua follia. L’autore recupera la tematica plautina del sosia, ma la inserisce in un contesto grottesco che rappresenta lo stato di crescente alienazione dell’individuo nella società moderna, culminante con la follia del sosia, che non è l’opposto ma una proiezione mentale, ben più spietata della società stessa.

Barbieri Giovanni IB classico G. Mazzini